Osservatorio di genere


Arcidonna News
News
Arcidonna e AISM contro la sclerosi multipla: sabato 7 e domenica 8 marzo regala un fiore per la ricerca Stampa E-mail

Anche quest’anno Arcidonna è vicina all’AISM contro la sclerosi multipla, malattia invalidante che colpisce maggiormente le donne. Sabato 7 e domenica 8 marzo 2009 nelle piazze italiane, torna La Gardenia dell'AISM, la manifestazione di solidarietà che l'Associazione dedica ogni anno alle donne. I fondi raccolti contribuiranno a sostenere la ricerca scientifica sulla malattia e ad incrementare i servizi sanitari e sociali dedicati alle persone con sclerosi multipla. Quest’anno, in particolare, i fondi raccolti andranno a finanziare anche il progetto “Donne oltre la sclerosi multipla": un programma interamente dedicato alle donne con sm.

Cerca la piazza più vicina

 

 

 
USA: Obama cancella la forbice salariale Stampa E-mail

È stato il suo primo atto da quando è alla guida degli Stati Uniti: una legge per cancellare la forbice salariale tra uomini e donne. “Questa legge - ha detto il presidente - rafforza uno dei principi fondanti della nostra Carta Costituente, e cioè che tutte le persone sono create uguali”

Per garantire sui luoghi di lavoro a tutti i lavoratori, in particolare alle donne, una pari opportunità vera: a questo principio si ispira la prima vera legge firmata dal presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, da quando è in carica con pieni poteri.

È stata denominata Lilly Ledbetter Fair Pay Act, dal nome della manager della Goodyear che, dopo aver scoperto di prendere in busta paga meno dei suoi colleghi maschi di pari livello, fu protagonista di una lunga battaglia legale - persa - contro la sua azienda. La legge introduce norme più stringenti sull'equità salariale, uno dei temi più trasversalmente sentiti dall’elettorato femminile americano. In America infatti ancora oggi in molti settori le donne ricevono il 23 per cento meno dello stipendio dei loro colleghi maschi. “Nel firmare questa legge, voglio dare un segnale chiaro - ha detto Obama - ossia che non ci sono cittadini di seria A o di serie B sui luoghi di lavoro".

 

 
IN ITALIA OGNI ANNO 600 BAMBINE VITTIME DELL’INFIBULAZIONE Stampa E-mail
Questa la denuncia lanciata dalla parlamentare Souad Sbai, che rende noti i risultati di una ricerca condotta dall'associazione Acmid-Donna. Le leggi per affrontare questa situazione sono insufficienti. “Sarebbe importante cominciare a sensibilizzare l'opinione pubblica avviando una politica di prevenzione”


 “Ogni anno in Italia ci sono circa 600 bambine, figlie di immigrati, che sono a rischio di infibulazione e tutto avviene nel più totale silenzio”.   Questa la denuncia lanciata dalla parlamentare Souad Sbai, che rende noti i risultati di una ricerca condotta dall'associazione da lei presieduta, Acmid-Donna, impegnata nella difesa dei diritti delle donne marocchine e immigrate presenti nel territorio nazionale.  
Prosegue la Sbai: “Noi dell'Acmid-Donna abbiamo deciso oggi di lanciare l'allarme infibulazione perché purtroppo abbiamo riscontrato che si tratta di una pratica tutt’altro che estirpata o marginale tra alcune comunità di immigrati presenti in Italia siamo in particolare preoccupati dell'aumento del numero delle bambine infibulate che è possibile riscontrare anche dopo l'entrata in vigore della legge Consolo. Oltre alle leggi sono necessarie azioni forti per contrastare questa pratica tribale e malvagia che non ha niente a che vedere con le religioni ed è legata solo a tradizioni culturali di parte dell'Africa.  Non è accettabile che oggi qui in Italia – conclude la parlamentare - venga ancora praticata la mutilazione genitale delle bambine e a volte addirittura consigliata anche da alcuni Imam provenienti da paesi come Somalia ed Egitto, tanto da influenzare comunità di immigrati che mai ne avevano sentito parlare in madre patria. Sarebbe importante cominciare a sensibilizzare l'opinione pubblica avviando una politica di prevenzione”.
L’infibulazione – la sutura parziale, talvolta totale, degli organi genitali femminili – è una realtà che riguarda tanta parte delle donne straniere in Italia e tanta parte di quelle bambine, nate nel nostro Paese da famiglie immigrate, che quotidianamente divide il banco di scuola con i nostri figli. Nel mondo, Sono almeno 135 milioni, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le donne che hanno subito mutilazioni sessuali. Ogni anno se ne aggiungono due milioni. Le mutilazioni genitali femminili sono praticate soprattutto in Africa e in alcuni paesi del Medio Oriente - Egitto, Yemen Emirati Arabi - ma ci sono casi di mutilazioni anche in Asia, nelle Americhe e in Europa - Italia compresa - all’interno delle comunità di immigrati. Nonostante la risposta legislativa italiana a una problematica dalle implicazioni così profonde – costituita dalla Legge “Consolo” n°7 del 09/01/2006, e in particolare dall’articolo 583 bis che sancisce un inasprimento della pena per chi pratica l’infibulazione nel nostro Paese, ma anche per chi “cagiona” la mutilazione intendendo con ciò, di fatto, riconoscere la grave responsabilità della famiglia delle piccole vittime di questa sevizie – il problema di fondo resta. Ed è rappresentato dall’insufficienza di un sistema che interviene condannando i responsabili di un crimine già commesso e non riesce a impedire, piuttosto, il suo verificarsi.
 
Pensioni, Ajovalasit: "No all'equiparazione con gli uomini senza un welfare che sappia sostenere le donne che lavorano" Stampa E-mail
La presidente di Arcidonna critica la decisione del governo sull'innalzamento dell'età pensionabile delle lavoratrici. "Prima si pensi alla conciliazione tra vita e lavoro e si riduca la forbice tra i salari e quella tra i livelli occupazionali dei due generi. Poi, anche in Italia, si potrà modificare il regime pensionistico"
Leggi tutto... [Pensioni, Ajovalasit: "No all'equiparazione con gli uomini senza un welfare che sappia sostenere le donne che lavorano]
 
Pensioni: l'Italia cede a Bruxelles e dice sì all'innalzamento dell'età per le donne Stampa E-mail
L'equiparazione avverrà nel pubblico impiego. Si farà sulla base di criteri di flessibilità e gradualità. Il ministro Carfagna: "Va bene l'equiparazione dell'età pensionabile di uomini e donne, ma il risparmio di circa 250 milioni annui che ne conseguirà resti all'interno del Welfare e sia destinato ad un fondo dedicato a servizi per la donna".
Leggi tutto... [Pensioni: l'Italia cede a Bruxelles e dice sì all'innalzamento dell'età per le donne]
 
Nepal, uccisa Uma Sigh Stampa E-mail
Si occupava di diritti delle donne e criticava il regime. E' la quinta giornalista ad essere uccisa negli ultimi due anni nel paese asiatico
Leggi tutto... [Nepal, uccisa Uma Sigh]
 
Lavorare stanca. Ma di più le donne Stampa E-mail
Lavorano di più, dormono di meno, sono di servizio anche la domenica, tutte le domeniche dell'anno. Interpreti di questo stakanovismo di massa non sono gli immigrati, ma le donne italiane. Tra ufficio, casa e figli, sono mediamente impegnate nove ore al giorno. Come le donne, del resto, sanno benissimo. Gli uomini lo sanno un po’ meno  
Leggi tutto... [Lavorare stanca. Ma di più le donne]
 
Iran: donna giustiziata. Aveva ucciso il marito mentre stava stuprando sua figlia Stampa E-mail
E' successo a Teheran. Le associazioni umnaitarie protestano. Ma nel paese, si continuano a calpestare i diritti delle donne
Leggi tutto... [Iran: donna giustiziata. Aveva ucciso il marito mentre stava stuprando sua figlia]
 
In Sicilia una donna uccisa ogni 36 giorni Stampa E-mail
Oggi in tutta Italia si terranno incontri e iniziative per celebrare la giornata mondiale contro la violenza di genere. Un appuntamento importante per dire basta ai delitti commessi quotidianamente contro milioni di donne. Valeria Ajovalasit: "E' necessario che il governo nazionale approvi al più presto una legge sistemica che agisca al contempo sulla prevenzione e sulla certezza della pena»
Leggi tutto... [In Sicilia una donna uccisa ogni 36 giorni]
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 75
Torna su