Osservatorio di genere


Errore
  • Error translating Menus - missing currentLangMenuItems or activeMenu
U Stampa E-mail

UE

Sigla di Unione Europea. Istituita con il trattato di Maastricht, firmato nel febbraio del 1992 ed entrato in vigore il 1° novembre dell’anno successivo, l’Unione Europea sorge sulle ceneri della Comunità economica europea (CEE).

I suoi obiettivi, infatti, sono più ampi di quelli perseguiti dalla Cee e dalle altre comunità europee, sulle quali pure l’Unione Europea risulta fondata, secondo quanto esplicitamente previsto nel primo articolo del trattato di Maastricht. In particolare gli obiettivi dell’Unione, definiti nel secondo articolo del trattato, sono 4. In primo luogo, la promozione di un progresso economico e sociale, equilibrato e sostenibile, da realizzare principalmente mediante l’instaurazione di un mercato senza frontiere, detto Mercato unico europeo, e l’instaurazione di un’unione economica e monetaria con la conseguente introduzione di una moneta unica, l’Euro. In secondo luogo, l’Ue intende proporsi sempre di più sul piano delle istituzioni internazionali come un soggetto dotato di una propria identità, capace fra l’altro di definire una comune politica estera e di sicurezza, che potrà sfociare in futuro anche in una difesa comune, cioè un esercito europeo, sotto un unico comando. Il terzo obiettivo perseguito dall’unione europea è l’istituzione di una cittadinanza europea che attribuisca a ciascun residente in uno degli Stati che ne fanno parte il diritto, tra gli altri, di circolare e soggiornare liberamente nel territorio di un qualsiasi degli Stati membri nonché il diritto ad essere votato alle elezioni comunali o del Parlamento europeo nello stato membro in cui risiede, ma di cui non è cittadino (per esempio un italiano residente a Parigi, potrà candidarsi in Francia per essere eletto a parlamentare europeo a condizioni identiche a quelle alle quali si può candidare un francese). Infine l’Unione europea promuove la cooperazione nei settori della giustizia e degli affari interni: ciò comporta una soluzione comune a questioni relative, per esempio, all’immigrazione, alla tossicodipendenza, alle dogane, alla polizia e alla giustizia, sia civile che penale.

 
Torna su