Osservatorio di genere


Area internazionale Vita e Lavoro in nuova HERA
Errore
  • Error translating Menus - missing currentLangMenuItems or activeMenu
Vita e Lavoro in nuova HERA
Vita e Lavoro in nuova HERA: la prospettiva di genere nella Conciliazione Stampa E-mail Modifica
Nel 2003 nell’ambito del V Programma d’Azione dell’Unione Europea si colloca il Progetto Vita e lavoro in una nuova Era relativo al tema “Conciliazione della Vita familiare e della vita lavorativa”. La finalità è stata quella di migliorare il benessere e la qualità della vita della popolazione partendo dall’analisi della realtà e dalle necessità degli uomini e delle donne di realizzarsi sia personalmente che professionalmente.

Il progetto, promosso dalla Fundación Mujeres di Madrid, è stato realizzato, in Italia, da Arcidonna, in partenariato con i seguenti Paesi dell’Unione Europea: County Administrative Board Stoccolma, Svezia, G/I/S/A - Gender Institut Sachsen-Anhalt, Magdeburg Germania, Ålands landsskapsstyrelse, Åland (Finlandia).

Arcidonna ha attuato sul territorio il metodo GEMS rimodulato dal promotore del progetto Fundacion Mujeres sui temi della conciliazione tra vita familiare e lavorativa.

Il progetto “Living and working in a new HERA: the Gender Perspective in Reconciliation”, (Vita e Lavoro in nuova HERA: la prospettiva di genere nella Conciliazione) ha risposto alle priorità stabilite dal V Programma d’Azione dell’Unione Europea sul tema della conciliazione tra vita familiare e lavorativa, ritenuta elemento fondamentale al raggiungimento di una effettiva parità tra uomini e donne. Poiché poche sono le soluzioni alle disuguaglianze offerte dalla legislazione vigente, si ritiene sia necessario un lavoro comune all’interno dell’Unione Europea, in favore della conciliazione, affinché:

  • si realizzi un cambiamento culturale e l’introduzione di nuove azioni che incoraggino uomini e donne a cercare un’equa distribuzione delle responsabilità familiari
  • nasca e si sviluppi una consapevolezza sul genere e sulla conciliazione, da parte di coloro i quali hanno responsabilità nel costruire una nuova società;
  • si sviluppino strumenti in grado di modificare, ove necessario, le attuali politiche a favore della conciliazione

Introduzione storica del progetto

Nel 1997 viene elaborato, da parte dell’Associazione Svedese in ambito di lavoro, il sistema di qualità nel lavoro in relazione all’Uguaglianza fra i generi (Gender Equality Work, GEW), il cui fine era quello di fornire alle imprese certificati di qualità per quanto riguardava le condizioni di lavoro e le pari opportunità tra donne e uomini.

Nel 2000 viene elaborato, sempre in Svezia, a partire dal sistema citato anteriormente (GEW), il metodo GEMS, Gender Equality in Management Sistems.

Nel 2002 all’interno del V Programma d’Azione si sviluppa BETSY (Benchmarking come strumento per ottenere pari retribuzione), in cui viene sistematizzato il metodo GEMS, semplificando le aree di applicazione del metodo e lavorando esclusivamente nell’area che concerne “Salari e Prestazioni”.

Torna su