Errore
ARCIDONNA DIFENDE LA LEGGE 194: "CHI VUOLE CANCELLARLA VA CONTRO IL POPOLO ITALIANO E METTE A RISCHIO LA VITA DELLE DONNE" Stampa
Roma, 2 gennaio 2008

«La legge sull'aborto è stata una grande conquista delle donne ed è inaccettabile che ancora oggi la Chiesa e gli ambienti più conservatori del Paese mettano in discussione quanto deciso dal popolo italiano. Non va dimenticato, infatti, che la legge 194 è frutto di un referendum e, dati alla mano, negli anni questa norma ha funzionato benissimo, riducendo il numero delle morti tra le donne e quello degli stessi aborti. Inoltre, è bene anche ricordare le 150 mila persone che lo scorso 24 novembre a Roma sono scese in piazza per chiedere un allargamento dei diritti e delle libertà delle donne, e non un loro ridimensionamento, come succederebbe se la 194 venisse cancellata». Lo dice Valeria Ajovalasit, presidente nazionale di Arcidonna, che aggiunge: «La Chiesa abbandoni questa ennesima crociata, in rispetto della salute e della di vita di milioni di donne, quella stessa vita che sostiene di voler difendere».