Osservatorio di genere


“Il bullismo si può sconfiggere” Stampa E-mail

In questo modo si conclude la lettera di Alice, la ragazza di 14 anni aggredita a Vigevano da tre studentesse, pubblicata ieri sul Corriere della Sera.
Parole coraggiose quelle pronunciate dalla giovane vittima di una violenza di gruppo inaspettata; parole che spingono a reagire agli atti di bullismo con il coraggio e la consapevolezza di chi sa che soltanto fidandosi degli adulti e parlando apertamente si abbatte il muro della violenza.

“La scuola è parte integrante della società e luogo primario dell’educazione al rispetto. Chiediamo che si tenga conto, all’interno della politica e per la costituzione della Buona Scuola, della necessità di combattere in maniera strutturale problemi come quello del bullismo e della violenza, per i quali diviene necessaria un’azione pervasiva all’interno delle scuole, troppo a lungo rimandata. L’introduzione di materie quali l’educazione alla cultura di genere rappresenta, in tal senso, la risposta educativa principale al problema della violenza sulle donne, che non può essere affrontato se non a partire dalle scuole e all’interno delle classi.” Queste le dichiarazioni di Valeria Ajovalasit, presidente di Arcidonna, in riferimento alle parole del Sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone che intende promuovere, all’interno della Riforma della Buona Scuola, la cultura della parità di genere e il superamento degli stereotipi.

 

La Lettera di Alice

Sono la quattordicenne che è stata picchiata fuori dalla scuola da tre ragazze sedicenni a Vigevano la scorsa settimana. 
Io sono una ragazza fortunata: ho una bella famiglia, ho due genitori con cui sono libera di parlare di tutto, ho un fratello dispettoso, ma al quale voglio bene anche se mi chiama «Medusa» perché dice che con lui ho lo sguardo cattivo, ho due gatte pestifere e ho buone amiche. 
Sono brava a fare i cup cake, mi è venuta la passione guardando in tivù Buddy Valastro. La maggior parte delle volte cucino con il mio papà (i nostri ultimi esperimenti insieme sono stati il sushi e gli involtini primavera), ascolto la musica rap, disegno fumetti e adoro giocare con la Wii e ai videogame. Da grande voglio fare la pasticciera.

Quello che mi è successo a scuola non me lo aspettavo. Una delle tre ragazze che mi hanno aggredita la conoscevo e mi aveva preso di mira da un po’, ma non pensavo che sarebbe arrivata a tanto. Forse ce l’aveva con me perché anche se frequento la prima classe sono stata scelta per un progetto e lei no ed è più grande di due anni. Ma è una cosa che penso io, non sono sicura. 
Quel giorno mi stavano aspettando fuori da scuola all’uscita. Una faceva il palo, mentre le altre a turno mi tiravano calci. Fortunatamente i miei compagni erano lì e più di una volta hanno provato a dividerci, anche se le tre ragazze hanno continuato a picchiarmi. Dopo mi è venuto in soccorso un signore giovane che ha provato a farmi calmare e mi ha portato a casa in macchina. Colgo l’occasione per ringraziare sia lui che i miei compagni.

Una cosa che vorrei dire sul bullismo è che questa gente dimostra solo vigliaccheria nel presentarsi in gruppo per affrontare un solo individuo; così facendo dimostrano solo di aver paura. Suggerisco a tutti quei ragazzi e bambini che vengono picchiati dai bulli di sentirsi liberi di raccontare ai genitori quello che gli succede o comunque di parlare con un adulto di cui possono veramente fidarsi. È inutile nascondersi perché nel bene e nel male le cose si vengono a sapere lo stesso. Bisogna parlare soprattutto se è una situazione come la mia o come quella di tante altre persone, ma alle vittime dico: è bene farvi aiutare perché mi sembra inutile che gli altri vi rovinino la vita per niente, sono persone che non si meritano né la vostra attenzione né la vostra fiducia, ma soprattutto non si meritano il vostro rispetto e la vostra amicizia.

Lunedì tornerò a scuola, se il medico dice che va bene, accompagnata da mio papà. Io camminerò a testa alta e non avrò paura, perché queste ragazze che mi hanno aggredito alla fine si isoleranno da sole. 
Spero che questa lettera possa aiutare altri a prendere coraggio e a denunciare i fatti di bullismo, perché si può sconfiggere.

 

http://www.corriere.it/scuola/15_gennaio_23/ho-deciso-fidarmi-adulti-cosi-ho-sconfitto-bulli-95913cd4-a2d0-11e4-9709-8a33da129a5e.shtml

 
Torna su