Errore
UNA RAGAZZA CONTRO LA MAFIA Stampa
Sandra Rizza
UNA RAGAZZA CONTRO LA MAFIA
pp. 177 Euro 15,10
Si è uccisa a diciassette anni. Quando ne aveva undici la mafia le ha ammazzato il padre, pochi anni dopo il fratello. Si è ribellata al destino del silenzio, voleva una vita diversa, ha raccontato ai magistrati quello che sapeva sulla mafia del suo paese. La paura della vendetta mafiosa l'ha esiliata dalla Sicilia. Il 19 luglio 1992 Paolo Borsellino, giudice e padre per Rita Atria, muore in un agguato che è una strage. Una settimana dopo il suo suicidio. La breve vita di Rita ha le cadenze di una tragedia greca, l'onnipotente mafia la domina, come un destino. Un'indagine appassionata, fondata su documenti processuali e testimonianze, intorno ad una giovane donna sospesa fra la realtà di un mondo violento e chiuso e i sintomi di un mondo che vuole cambiare, il ritratto della lacerazione di una donna siciliana d'oggi.
alt