Errore
Inter-Chievo, una partita per Arcidonna Stampa

Anche il presidente dell'Inter Massimo Moratti e sua moglie Milly hanno aderito alla campagna di Arcidonna "Non pensare a sesso unico" contro gli stereotipi di genere. A loro, l'associazione ha consegnato la speciale bici della campagna. "Aderisco con entusiasmo al progetto di Arcidonna - ha dichiarato il presidente Moratti - Anche nel mondo del calcio è importante impegnarsi per combattere le discriminazioni di ogni genere''. Grande soddisfazione da parte dell'associazione, che domenica ha potuto diffondere la sua campagna all'interno dello stadio "Meazza", in occasione della partita di campionato tra Inter e Chievo. "E' stata una giornata importantissima per noi - ha detto la presidente di Arcidonna, Valeria Ajovalasit - L'adesione dei Moratti ci riempie di gioia. A loro va il nostro ringraziamento. Si tratta di una importante dimostrazione di sensibilita' verso una battaglia che non appartiene solo alle donne. Promuovere le pari opportunita', infatti, e' prima di tutto un dovere verso la democrazia e lo sviluppo economico del nostro paese.

Massimo e Milly Moratti hanno aderito alla campagna di Arcidonna “Non Pensare a Sesso Unico” contro le discriminazioni sessuali, elaborata nell’ambito del progetto “Laboratorio di pari opportunità: pratiche per il superamento degli stereotipi”. Il progetto è stato recentemente segnalato a Lisbona dall’Unione Europea quale migliore iniziativa condotta in ambito comunitario per la promozione del gender mainstreaming. Il supporto della famiglia Moratti si aggiunge a quello di Vladimir Spidla, Commissario Europeo per Occupazione, Affari Sociali e Pari Opportunità, e a quello del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, che ha ricevuto al Quirinale una delegazione di Arcidonna, accettando in dono un esemplare della bicicletta caratterizzata dallo slogan “Io Non Penso a Sesso Unico!”.
Grazie al supporto della famiglia Moratti, Arcidonna ha potuto allestire un infopoint all’interno dello stadio di San Siro in occasione della partita Inter – Chievo, dove ha presentato i risultati del progetto. “Aderisco con entusiasmo al progetto di Arcidonna - ha dichiarato il Presidente dell’Inter Massimo Moratti – anche nel mondo del calcio è importante impegnarsi per combattere le discriminazioni di ogni genere”.

Prima della partita, Arcidonna ha consegnato alla famiglia Moratti una bicicletta con i colori e lo slogan del progetto.
«Il progetto – spiega la presidente di Arcidonna, Valeria Ajovalasit – ha riguardato la sperimentazione di pratiche di gestione aziendale innovative volte a favorire l’occupazione femminile e ha coinvolto anche le scuole e i media, ossia i luoghi attraverso cui si forma la cultura del nostro paese e sui quali bisogna agire per superare una volta per tutte le discriminazioni sessuali».

Per questo, continua la Ajovalasit, «ci riempie di gioia la decisione di sposare la campagna da parte della famiglia Moratti, cui va il nostro ringraziamento. Si tratta di una importante dimostrazione di sensibilità verso una battaglia che non appartiene solo alle donne. Promuovere le pari opportunità, infatti, è prima di tutto un dovere verso la democrazia e lo sviluppo economico del nostro paese».