Arcidonna home page

SPORTELLO HOME PAGEInformazioniOrientamentoConsulenzaCentro risorseSportelliE-mail
CREARE UN'IMPRESATipi di impresaAgevolazioni per settoreAgevolazioni per ambito di applicazione • Donne e impresa • News


Sportello Eurodonna in Progress - Creare un'impresa - Tipi di impresa - SOCIETA' IN ACCOMANDITA SEMPLICE


Definizione

La società in accomandita semplice rientra tra le "società commerciali" ossia tra le tipologie di società che le parti possono scegliere quando vogliono svolgere un'attività commerciale (art. 2195 c.c.), ossia un'attività:

  • industriale diretta alla produzione di beni o servizi
  • intermediaria nella circolazione dei beni
  • di trasporto per terra, aria, acqua
  • bancaria o assicurativa
  • ausiliaria delle attività precedenti

Torna in cima torna su


Caratteristiche

La caratteristica di questo tipo di società è data dalla presenza di due categorie di soci:

  • gli accomandanti: si tratta di soci che rispondono delle obbligazioni sociali limitatamente alla quota conferita nella società (responsabilità limitata)

  • gli accomandatari: per essi valgono le regole generali in materia di responsabilità previste per le società di persone (responsabilità illimitata, personale e sussidiaria); ad essi soli è attribuita l'amministrazione della società


Da ciò deriva che il creditore sociale, per realizzare il proprio credito, dovrà rivolgersi innanzitutto al patrimonio della società, e successivamente, se questo dovesse risultare insufficiente, ad uno qualsiasi dei soci accomandatari: questi dovrà saldare l'intero debito utilizzando il proprio patrimonio personale, salvo poi rivalersi sugli altri soci accomandatari per ottenere il pagamento delle rispettive quote di debito.
A tutela dei terzi, nell'atto costitutivo vanno indicati i soci accomandanti e gli accomandatari; se un socio accomandante compie atti di amministrazione diventa anch'egli illimitatamente e personalmente responsabile e può anche essere escluso dalla società.
La denominazione della società deve contenere il nome di almeno uno degli accomandatari e l'indicazione che si tratta di s.a.s.; se un socio accomandante acconsente a che il suo nome sia inserito nella denominazione sociale acquista anch'egli una responsabilità personale e illimitata.
Per la nomina e la revoca degli amministratori è necessario il consenso di tutti i soci accomandatari e di tanti accomandanti che rappresentino la maggioranza del capitale sociale da essi sottoscritto.
Gli accomandanti hanno diritto di ricevere dagli amministratori il bilancio annuale e di consultare le scritture contabili.
La società si scioglie se rimangono soltanto i soci accomandanti o gli accomandatari e il socio mancante non viene reintegrato entro 6 mesi. Se vengono meno tutti i soci accomandatari, gli accomandanti nominano un amministratore provvisorio per gli atti di ordinaria amministrazione senza però che questi assuma la responsabilità propria degli accomandatari.
L'eventuale fallimento della società comporta anche il fallimento dei soli soci accomandatari.
Riferimenti normativi: Codice civile, Libro V, Titolo V "Delle società", Capo IV "Della società in accomandita semplice" (artt. 2313-2324).

Torna in cima torna su


Modalità di costituzione:

  1. Redazione dell'atto costitutivo per atto pubblico o per scrittura privata autenticata (in entrambi i casi è quindi necessario l'intervento di un notaio)
  2. Deposito dell'atto costitutivo presso l'ufficio del registro delle imprese entro 30 giorni. L'atto va depositato in bollo (£ 20.000) ed occorre versare £ 250.000 per diritti di iscrizione. Tale iscrizione è essenziale solo per la regolarità della costituzione e l'eventuale assenza fa sì che il contratto sociale sia pienamente efficace tra le parti ma non sia opponibile ai terzi (cd Società irregolare)
  3. Gli amministratori, entro 15 giorni dalla nomina devono depositare l'accettazione della carica e la loro firma autografa presso il registro delle imprese
  4. Comunicazione all'Ufficio distrettuale delle imposte dirette dell'avvenuta costituzione entro 3 mesi allegando copia dell'atto costitutivo
  5. Richiesta all'Ufficio IVA dell'attribuzione della partita IVA entro 30 giorni dalla costituzione
  6. Vidimazione dei libri contabili e fiscali

In genere le formalità indicate nei punti da a) a d) sono eseguite dallo stesso notaio mentre le altre sono a carico della società.

Torna in cima torna su


Obblighi fiscali, previdenziali e assicurativi

  1. Comunicazione all'Ufficio distrettuale delle imposte dirette dell'avvenuta costituzione della società entro 3 mesi dalla stessa, allegando copia dell'atto costitutivo;
  2. Richiesta all'Ufficio IVA dell'attribuzione della partita IVA entro 30 giorni dalla costituzione;
  3. Vidimazione dei libri contabili e fiscali: questi devono essere numerati progressivamente in ogni pagina e bollati in ogni foglio. Tale operazione viene eseguita dall'Ufficio del registro delle imprese oppure da un notaio.
    Si tratta di formalità che sono per lo più a carico degli stessi soci.
  4. Occorre richiedere all'Esattoria (Concessionario per la riscossione) il Conto fiscale ossia il codice fiscale preceduto dal numero del concessionario competente per territorio; tale conto deve essere collegato ad un proprio conto bancario al fine di utilizzarlo per il pagamento e la compensazione delle imposte.
  5. Comunicazione all'Ufficio tributi del Comune dell'avvio dell'attività al fine di applicare l'imposta sui rifiuti solidi urbani.
    Agli effetti contributivi, assistenziali e previdenziali (INPS), occorre procedere, subito dopo l'iscrizione nel Registro delle imprese, all'iscrizione personale dei singoli soci negli Elenchi nominativi esercenti attività tenuti presso la Camera di commercio.
  6. Se si ricorre all'impiego di personale (dipendenti, collaboratori, soci,…) da destinare all'utilizzo di macchinari o ad attività manuali che possano comportare un rischio di infortunio, vi è l'obbligo di procedere alla loro iscrizione obbligatoria, ai fini infortunistici, all'INAIL.

Le società di persone sono soggette, tra l'altro, alle seguenti imposte:

  1. L'imposta di registro: va versata al momento della costituzione della società applicando delle tariffe differenti in relazione al tipo di beni conferiti (beni immobili, terreni agricoli, costruzioni destinate all'esercizio di attività commerciale, beni e diritti diversi dai precedenti compreso il denaro).
  2. IRAP (Imposta regionale sulle attività produttive): tale imposta ha sostituito alcune imposte precedenti quali, tra l'altro, la tassa sulla salute, l'ILOR, l'ICIAP. L'imposta è determinata applicando un'aliquota (4,25%) alla base imponibile che è rappresentata, con riferimento allo schema di conto economico di cui all'art. 2425 del codice civile, dalla differenza tra il valore lordo della produzione (lettera A) e alcuni costi della produzione (lettera B, numeri 6,7,8,10 lettere a), e b), 11 e 14. Quindi non è un'imposta sul reddito perché non si determina sulla base del profitto realizzato.
  3. IRPEF (Imposta sul reddito delle persone fisiche): il reddito delle società, considerato come tale, non è soggetto ad imposta sul reddito. Questa grava invece sui singoli soci sulla base della quota dell'utile di esercizio di loro spettanza (e indipendentemente dal fatto che gli utili siano stati distribuiti o piuttosto accantonati). L'imposta viene determinata applicando delle aliquote progressive per scaglioni successivi di reddito.
  4. ICI (imposta comunale sugli immobili): è dovuta nel caso in cui la società possegga a titolo di proprietà, usufrutto, uso o abitazione, dei fabbricati, delle aree fabbricabili, dei terreni agricoli. Per la determinazione dell'imposta occorre far riferimento all'aliquota individuata dal comune competente e alla rendita catastale.

Torna in cima torna su


Strutture di riferimento
  • Ufficio del registro delle imprese: presso la Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura, Via E. Amari n. 11, Palermo, tel. 091/6050111 (centralino)
  • Ufficio IVA: Via Resuttana Colli n. 360, Palermo, tel. 091/528726-528555 (centralino)
  • Ufficio distrettuale delle imposte dirette: Via Konrad Roentgen n. 3, Palermo, tel. 091/6900111 (centralino)

Torna in cima torna su


Note o altro

Solitamente questa forma societaria viene scelta se nella società deve intervenire un numero ristretto di persone che si conoscono piuttosto bene;
Per la costituzione delle società di persone non è richiesto un capitale minimo poiché all'occorrenza per i debiti sociali rispondono i soci.

Torna in cima torna su



torna indietro
INDIETRO

Arcidonna - http://www.arcidonna.it - Via Alessio di Giovanni 14 - 90144 Palermo
Tel. +39.091.345799 - Fax +39.091.301650 - email arcidonna@arcidonna.it